Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Cultura Fotografica » Scheda Articolo

IL PAPAVERO – MESSAGGIO DI PRIMAVERA
Autore: Pippo Fichera - Pubblicato il 14/03/20 - Categoria Cultura Fotografica
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 945 volte

Share |

IL PAPAVERO – MESSAGGIO DI PRIMAVERA di Giuseppe Fichera

“Ciò che l’impressionismo ha il potere di conservare è la delizia di avere ricreato la natura tocco a tocco. Mi accontento di veder riflesso nello specchio limpido e duraturo della pittura quanto perennemente vive, ma muore ogni istante.” Così, nel 1876, scriveva il poeta francese Stéphane Mallarmé.

Erano trascorsi appena due anni dalla prima esposizione collettiva dei pittori impressionisti. La rassegna, allestita a Parigi nello studio del fotografo Nadar, aveva generato lo sconcerto del pubblico e l’indignazione della critica. In quella mostra Claude Monet aveva presentato, tra l’altro, una tela intitolata “Les coquelicots d’Argenteuil” (“I papaveri di Argenteuil”), ed i giudizi erano stati tutt’altro che benevoli nei suoi confronti. Oggi quel dipinto è considerato un capolavoro, uno dei più celebri quadri della corrente impressionista, un'esemplare interpretazione della pittura “en plein air”, all’aria aperta, un trionfo della natura.

Per Monet dipingere le bellezze paesaggistiche era una necessità dell’anima. In pittura, così come in fotografia, è vitale trovare soggetti che abbiano il potere di provocare stupore, e i lavori di Giuseppe Fichera sono una palese conferma di questo assunto.

Fichera, come Monet, s’è lasciato affascinare dall’armoniosa semplicità di un campo costellato dal rosso dei papaveri e lo ha interpretato secondo la sua sensibilità, dando libero sfogo alle sue sensazioni ed ai suoi impulsi. Sono così nate immagini di pregevole impatto, essenziali negli elementi, accattivanti nei tratti compositivi e fiammeggianti nelle intonazioni cromatiche.

Il papavero è una pianta effimera, delicata, un fiore senza nettare. Gli antichi l’avevano consacrato a Morfeo, dio del sonno, per le sue proprietà ipnotiche, ma la sua autentica magia risiede nella forza attrattiva che emana, il suo incantesimo sta nella sua innegabile capacità di seduzione.

Giuseppe ne è rimasto ammaliato e, quasi a voler esorcizzare la caducità della sua bellezza, ne ha fermato, per sempre, l’atavico splendore. 

Trieste, gennaio 2004

Fulvio Merlak (Presidente della FIAF)

 

Share |
TRAVEL TALES AWARD
In un momento storico in cui  i Fotografi hanno dovuto forzatamente chiudere le valigie in cant...
vincitore CCF book award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione   previsto ...
Iscrizioni aperte a URBAN Photo Awards 2021!
Bruce Gilden presidente della giuria In palio un montepremi del valore di 23.000 € e mostre al Trie...
DREAMLANDS
In partenza la nuova iniziativa di  Isp, che in collaborazione con Photographers.it  propo...
Journey to the Lowlands vince l’URBAN Book Award 2020
La fotografa modenese Valeria Sacchetti con il progetto Journey to the Lowlands è la vincitri...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
fine-art magazine immigrazione canson vernissage movimento carnevale workshop di fotografia new york art personale editoria bianco nikkor promozione premio
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13905 Utenti Registrati + 29292 Iscritti alla Newsletter
6884 News Inserite - 1847 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate