Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Riflessioni » Scheda Articolo

Distacco, impassibilità, rigore.
Autore: Fulvio Bortolozzo - Pubblicato il 23/02/16 - Categoria Riflessioni
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 3674 volte

Share |

Molti fotografi italiani nei decenni Ottanta e Novanta del Novecento sembra che avessero riscoperto l'affetto e il sentimento per i luoghi.

Dopo i concettuali, e quindi razionali e freddi Anni Settanta, bagnati nel sangue di sconvolgimenti sociali e politici, dalle loro immagini tende a scomparire la cronaca, l'evento eclatante, il protagonismo dell'umanità in subbuglio. Il bianco e nero lascia spesso il posto al colore, un colore non squillante e saturo, se non nella declinazione di Franco Fontana, ma delicato, chiaro, tonale, sussurrato persino. Le presenze umane sono evocate in assenza. Gli orrori urbanistici, di cui la penisola è straripante, rimangono come dimenticati o se ci sono sembrano pacificati, risolti, assolti.

La mozione è quella emotiva, della sensibilità alla luce. Luce che sembra tutto condonare. Sembra possibile vivere fuori dalle ansie in un rinnovato recupero di prossimità familiare con i segni sconvolti di un mondo ormai medializzato, confuso tra apparenza e concretezza, tra l'accadimento e la sua proiezione visiva.

Questa vena sentimentale, tipicamente italiana, prosegue estenuata ancora oggi negli epigoni. Divenuta accademia, funge da falsariga sempre meno aderente ai tempi.

Penso che vi sia la necessità di un recupero dell'osservazione diretta, di una capacità di porsi di fronte ai fenomeni descrivendoli per come appaiono nei limiti delle tracce che una fotocamera può prendere. Senza più eccedere in sentimento, affetto, o ancora peggio spettacolarità, per ciò che viene fotografato, ma anzi cercando distacco, impassibilità, rigore.

Share |
CITIES STORY
“Fotografare è una maniera di vivere. Ma importante è la vita, non la fotografia...
TRAVEL TALES AWARD
In un momento storico in cui  i Fotografi hanno dovuto forzatamente chiudere le valigie in cant...
Iscrizioni aperte a URBAN Photo Awards 2021!
Bruce Gilden presidente della giuria In palio un montepremi del valore di 23.000 € e mostre al...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
Obiettivo webinar magazine milandri maggio contrasto libri fotografia italiana galleria salento scultura backstage gratis location erminio annunzi tecnica
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13930 Utenti Registrati + 29863 Iscritti alla Newsletter
6882 News Inserite - 1849 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate